Energy Management: La consulenza degli esperti di E-Fase per la gestione dei consumi
14 Giugno 2019
ULTIMA NEWSARCHIVIO

Molte aziende trascurano l’aspetto relativo all’amministrazione dei consumi di energia elettrica, gas e acqua calda. La mancanza di tempo o le scarse conoscenze in materia sono le cause principali di questa cattiva abitudine, che alla lunga comporta uno spreco di risorse e, di conseguenza, il pagamento di bollette salate

È necessario comprendere l’importanza di ottimizzare i consumi attraverso una corretta regolazione degli impianti, apprendendo come utilizzarli in modo appropriato dal punto di vista energetico, promuovendo comportamenti consapevoli tra gli stessi dipendenti e fruitori delle strutture, non solo migliorando i processi produttivi e le performance ma generando importanti risparmi. Simile procedura può essere garantita da un adeguato Energy Management.

Anzitutto che cos’è? L’Energy Manager è colui che, in una azienda, deve gestire le questioni riguardanti l’energia, verificando quindi i consumi, ottimizzandoli e promuovendo interventi mirati sia per mirare all’efficienza energetica (evitando sprechi e generando un risparmio per l’azienda) che per incentivare le fonti rinnovabili.

Il tecnico responsabile è obbligatorio per le industrie e i soggetti operati nei settori civile, terziario e dei trasporti che abbiano consumi di energia superiore a 10.000 tonnellate equivalenti di petrolio TEP (settore industriale) e superiore a 1.000 TEP per tutti gli altri settori previsti, e deve essere comunicato ogni anno entro il 30 aprile al Ministero dello Sviluppo Economico, secondo l’art. 19 della legge 9 gennaio 1991 n. 10.

Quali sono in sintesi gli ambiti di intervento? L’energy management comprende la diagnosi energetica per comprendere in modo adeguato il profilo di consumo energetico di un edificio, a cui segue l’elaborazione di indici specifici (Energy performance indicator EnPI) che misurino ad hoc i consumi. La fase successiva è la rinegoziazione delle forniture con l’analisi dei documenti contrattuali con un’analisi tecnica ed economica che analizzi l’opportunità di ottenimento di incentivi, detrazioni, certificati, conto termico o bandi. Una volta verificate le performance degli impianti installati si tratterà infine di gestire e impostare un piano di aggiornamento tecnico e normativo

L’esperto in gestione dell’energia (EGE) insomma è una figura professionale moderna ed interdisciplinare che associa alle competenze tecniche delle solide basi in materie ambientali, economico-finanziarie, di gestione aziendale e di comunicazione.

Chi può ricoprire il ruolo? Nel caso di un’organizzazione complessa, l’energy manager sarà preferibilmente un dirigente alla guida di un gruppo di persone di estrazione prevalentemente tecnica. E nel caso di aziende di minor dimensione? Generalmente queste si avvalgono di una consulenza esperta con consulenze tecniche.

A sostegno delle imprese E-fase S.r.l. mette a disposizione una solida organizzazione di persone qualificate che hanno sviluppato significative esperienze nel settore,  in grado di offrire un servizio completo in tutti gli ambiti della gestione efficiente dell’energia, inoltre mette a disposizione un EGE certificato ai sensi della normativa UNI CEI 11339 che svolgerà il compito di energy manager, direttamente nominato presso la FIRE, oppure in affiancamento al dirigente aziendale che verrà nominato energy manager.

Con il servizio Energy Management il cliente può avvalersi di un consulente esterno qualificato in grado di affiancarlo nel percorso di analisi, monitoraggio ed ottimizzazione dell’uso dell’energia, con l’obiettivo di conseguire benefici a livello economico, energetico e ambientale. E-Fase è certificata secondo la normativa UNI CEI 11352:2014 “Società che forniscono servizi energetici”. La certificazione attesta le capacità organizzative, diagnostiche, gestionali necessarie allo svolgimento dei servizi proposti. Ai sensi del D.lgs. 102/2014, il possesso della certificazione UNI CEI 11352 consente ad E-fase di redigere le Diagnosi Energetiche e di partecipare al meccanismo dei certificati bianchi. L’efficienza energetica rappresenta una riduzione di consumi associata al mantenimento o al miglioramento del livello di servizi fruiti e racchiude in sé un grande potenziale di sviluppo.

 

ULTIMA NEWS
NEWS
ARCHIVIO
Regione Lombardia stanzia oltre due milioni per realizzare le diagnosi energetiche in favore di piccole e medie imprese

Fondi a piccole e medie imprese per diagnosi energetiche

La Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, e di concerto con l’assessore allo Sviluppo Economico, Alessandro Mattinzoli, ha deliberato lo stanziamento di oltre due milioni di euro per incentivare le piccole e medie imprese (le cosiddette PMI) a realizzare le diagnosi energetiche. Parallelamente è stata inoltre approvata la convenzione con il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) per il cofinanziamento della relativa misura di sostegno.

Il cofinanziamento regionale e ministeriale

La misura coglie l’opportunità di concedere finanziamenti alle PMI per realizzare la diagnosi energetica o l’adesione al sistema di gestione ISO 50001 della propria sede produttiva mediante l’utilizzo di un cofinanziamento ministeriale del Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell’Ambiente. Per dare seguito alla relativa misura di incentivazione, sarà pertanto stipulata una convenzione, con cui saranno definite tutte le modalità in base alle quali saranno concessi i finanziamenti alle PMI e sarà erogata a Regione Lombardia la quota di cofinanziamento statale. La spesa prevista ammonta a 2.238.750,00 di cui 1.567.125 euro finanziati dallo Stato e 671.625,00 euro finanziati da Regione Lombardia, da ripartire al 50% sul bilancio 2020 e 50% sul bilancio 2021. La manovra avrà effetto sull’intero territorio regionale.

Il commento dell’assessore Cattaneo

«Regione Lombardia, con l’approvazione di questa delibera, guarda all’ambiente: l’energia più pulita e meno costosa è l’energia che non si consuma. Nel breve periodo, la politica più efficace per il contrasto ai cambiamenti climatici e per la riduzione delle emissioni inquinanti e climalteranti, è l’efficientamento energetico. Si aprono davanti a noi nuove sfide rispetto all’efficienza energetica per evitare sprechi e dispersioni fattore che riguarda tutti i settori economici, a partire da chi produce energia a chi produce beni e servizi. Ecco come un beneficio per il clima diventa anche un’opportunità di sviluppo e di ammodernamento per il nostro territorio».

Il commento dell’assessore Mattinzoli

«Con questo provvedimento confermiamo la nostra attenzione al mondo produttivo. In questo modo teniamo alto il livello non solo dell’efficienza, ma soprattutto della lungimiranza e della capacità di tradurre in atti concreti e utili i bisogni di tutto il nostro tessuto imprenditoriale. Queste misure dimostrano che la Giunta della Lombardia guarda a chi investe e crea lavoro, nel rispetto dell’ambiente con una vision orientata alle future generazioni».

L’Energy Manager nella Pubblica Amministrazione

Molte aziende trascurano l’aspetto relativo all’amministrazione dei consumi di energia elettrica, gas e acqua calda. La mancanza di tempo o le scarse conoscenze in materia sono le cause principali di questa cattiva abitudine, che alla lunga comporta uno spreco di risorse e, di conseguenza, il pagamento di bollette salate

È necessario comprendere l’importanza di ottimizzare i consumi attraverso una corretta regolazione degli impianti, apprendendo come utilizzarli in modo appropriato dal punto di vista energetico, promuovendo comportamenti consapevoli tra gli stessi dipendenti e fruitori delle strutture, non solo migliorando i processi produttivi e le performance ma generando importanti risparmi. Simile procedura può essere garantita da un adeguato Energy Management.

Anzitutto che cos’è? L’Energy Manager è colui che, in una azienda, deve gestire le questioni riguardanti l’energia, verificando quindi i consumi, ottimizzandoli e promuovendo interventi mirati sia per mirare all’efficienza energetica (evitando sprechi e generando un risparmio per l’azienda) che per incentivare le fonti rinnovabili.

Il tecnico responsabile è obbligatorio per le industrie e i soggetti operati nei settori civile, terziario e dei trasporti che abbiano consumi di energia superiore a 10.000 tonnellate equivalenti di petrolio TEP (settore industriale) e superiore a 1.000 TEP per tutti gli altri settori previsti, e deve essere comunicato ogni anno entro il 30 aprile al Ministero dello Sviluppo Economico, secondo l’art. 19 della legge 9 gennaio 1991 n. 10.

Quali sono in sintesi gli ambiti di intervento? L’energy management comprende la diagnosi energetica per comprendere in modo adeguato il profilo di consumo energetico di un edificio, a cui segue l’elaborazione di indici specifici (Energy performance indicator EnPI) che misurino ad hoc i consumi. La fase successiva è la rinegoziazione delle forniture con l’analisi dei documenti contrattuali con un’analisi tecnica ed economica che analizzi l’opportunità di ottenimento di incentivi, detrazioni, certificati, conto termico o bandi. Una volta verificate le performance degli impianti installati si tratterà infine di gestire e impostare un piano di aggiornamento tecnico e normativo

L’esperto in gestione dell’energia (EGE) insomma è una figura professionale moderna ed interdisciplinare che associa alle competenze tecniche delle solide basi in materie ambientali, economico-finanziarie, di gestione aziendale e di comunicazione.

Chi può ricoprire il ruolo? Nel caso di un’organizzazione complessa, l’energy manager sarà preferibilmente un dirigente alla guida di un gruppo di persone di estrazione prevalentemente tecnica. E nel caso di aziende di minor dimensione? Generalmente queste si avvalgono di una consulenza esperta con consulenze tecniche.

A sostegno delle imprese E-fase S.r.l. mette a disposizione una solida organizzazione di persone qualificate che hanno sviluppato significative esperienze nel settore,  in grado di offrire un servizio completo in tutti gli ambiti della gestione efficiente dell’energia, inoltre mette a disposizione un EGE certificato ai sensi della normativa UNI CEI 11339 che svolgerà il compito di energy manager, direttamente nominato presso la FIRE, oppure in affiancamento al dirigente aziendale che verrà nominato energy manager.

Con il servizio Energy Management il cliente può avvalersi di un consulente esterno qualificato in grado di affiancarlo nel percorso di analisi, monitoraggio ed ottimizzazione dell’uso dell’energia, con l’obiettivo di conseguire benefici a livello economico, energetico e ambientale. E-Fase è certificata secondo la normativa UNI CEI 11352:2014 “Società che forniscono servizi energetici”. La certificazione attesta le capacità organizzative, diagnostiche, gestionali necessarie allo svolgimento dei servizi proposti. Ai sensi del D.lgs. 102/2014, il possesso della certificazione UNI CEI 11352 consente ad E-fase di redigere le Diagnosi Energetiche e di partecipare al meccanismo dei certificati bianchi. L’efficienza energetica rappresenta una riduzione di consumi associata al mantenimento o al miglioramento del livello di servizi fruiti e racchiude in sé un grande potenziale di sviluppo.

 

Regione Lombardia stanzia oltre due milioni per realizzare le diagnosi energetiche in favore di piccole e medie imprese
19 Novembre 2019
Finanziamenti MISE, 2 miliardi ai Comuni dal 2020 al 2024 per efficientamento energetico: Quota, scadenze, modalità e opere finanziabili
7 Novembre 2019
Nuovo bando di finanziamento per interventi di efficientamento energetico presso i comuni emiliano-romagnoli
29 Ottobre 2019
La Lombardia spinge per l’efficienza energetica: 15 milioni a case popolari
26 Ottobre 2019
I prosumer, chi sono e chi saranno?
24 Ottobre 2019
“Porte aperte” per E-Fase e Risma11 Multifactory, attualità e futuro per l’azienda di consulenza energetica
21 Ottobre 2019
Prestito investimenti conto termico, Cassa depositi-prestiti a sostegno dell’efficientamento energetico locale
14 Agosto 2019
Decreto Crescita, misure per l’efficienza energetica
6 Agosto 2019
E-Fase mette in campo la sua esperienza e assiste i comuni per massimizzare il rendimento degli impianti fotovoltaici
28 Giugno 2019
Ristrutturazione ed efficientamento degli edifici pubblici: come ottenere gli incentivi del Conto Termico GSE
21 Giugno 2019
Energy Management: La consulenza degli esperti di E-Fase per la gestione dei consumi
14 Giugno 2019
la Diagnosi Energetica come base per un percorso di riduzione dei consumi di energia
11 Giugno 2019
Razionalizzare i consumi energetici in azienda per ridurli sino al 20% installando ICO Power
11 Giugno 2019
TREVIGLIO: nuove caldaie nelle case comunali
26 Giugno 2018
L’Energy Manager nella Pubblica Amministrazione
22 Giugno 2018